Categorie
Climate control HVAC LE MIE ULTIME PUBBLICAZIONI Ventilazione

SATR, un’opzione per migliorare l’efficienza energetica

Noto con l’acronimo inglese SATR (Supply Air Temperatura Reset), la modifica (reset) del set point della temperatura di mandata dell’aria risulta un’opzione di controllo non troppo complicata da implementare. Grazie a questo accorgimento, il possibile miglioramento dell’efficienza energetica dell’intero impianto HVAC potrebbe portare ad un dimezzamento dei costi operativi.

Articolo pubblicato su RCI 2/2019.

Scarica l’articolo completo in PDF

Categorie
Climate control Efficienza energetica HVAC LE MIE ULTIME PUBBLICAZIONI manutenzione Ventilazione

Le serrande di regolazione coibentate


Sempre alla strenua ricerca di ogni singolo scampolo di maggior efficienza dell’impianto, non si dovrebbe trascurare l’utilizzo delle serrande di regolazione della portata d’aria coibentate.

Articolo pubblicato su RCI 1/2019.

Scarica l’articolo completo in PDF



Categorie
Efficienza energetica HVAC LE MIE ULTIME PUBBLICAZIONI Ventilazione

La ventilazione nelle strutture veterinarie



Con la sempre maggiore diffusione e attenzione verso gli animali da compagnia, è cresciuta di pari passo l’esigenza di assicurare strutture di cura veterinarie in linea con le esigenze di igiene e sicurezza.

Articolo pubblicato su RCI 9/2018.

Scarica l’articolo completo in PDF

Categorie
Efficienza energetica HVAC LE MIE ULTIME PUBBLICAZIONI Ventilazione

Data center: strategie di riduzione dei costi

Implementare una soluzione per lo smaltimento del calore generato nei data center tramite una più attenta compartimentazione dell’aria porta quasi sempre a nuovi e consistenti risparmi energetici, specie se poi questa opzione consente di evitare l’aggiunta supplementare di nuove unità di trattamento dell’aria o di altre apparecchiature di raffreddamento.


Articolo pubblicato su RCI 8/2018.

Categorie
Edlizia Efficienza energetica HVAC LE MIE ULTIME PUBBLICAZIONI Ventilazione

Il controllo delle muffe negli edifici

La comprensione dei fenomeni legati alla presenza dell’umidità e dunque della proliferazione di colonie fungine all’interno delle costruzioni rappresenta un’analisi necessaria per mettere in atto procedure preventive o di risanamento che evitino la cronicità del processo. I nuovi metodi di calcolo dinamici rendono più veritiere le diagnosi termoigrometriche sulla formazione delle condense superficiali ed interstiziali all’interno dell’edifico. L’impianto HVAC dal canto suo gioca un ruolo non secondario sul controllo o meno della proliferazione delle muffe.

Articolo pubblicato su RCI 4/2018.